AdriaticoWeb in collaborazione con Agenzia Lignano

Portogruaro

L'atto di nascita di Portogruaro si fa risalire al 1140, anno in cui Gervino, vescovo di Concordia, concede ad alcuni Portolani un terreno in riva al fiume Lemene, per costruirvi un porto, case e magazzini. L'atto sancisce la presenza di Portogruaro nell'ambito della Patria del Friuli. Il porto sul fiume Lemene   rende la città una tappa importante nei commerci tra Venezia e l’Austria, tanto che si rafforza e si arrichisce e ottiene una larga autonomia politica di tipo comunale. 
Nel  1420   entra a far parte della Repubblica di Venezia che in quell'anno, in seguito alla   politica di espansione sulla terraferma, si annette il territorio della Patria del Friuli e con esso Portogruaro. Sotto la giurisdizione della Repubblica di Venezia la città rimane per 3 secoli, godendo di privilegi economici dovuti alla sua felice posizione geografica e di una prosperità che si può intuire ancor oggi  nella sua architettura civile dei sec. XV e XVI, che la fa sembrare una piccola Venezia.
Nel 1797, col trattato  di Campoformido, Napoleone, vincitore sulla Serenissima, cede all'Austria il territorio dell'ex veneta Repubblica, compresa Portogruaro.
La dominazione austriaca dura fino al 1866, tranne la breve parentesi del 1848 quando anche in città, sulla scia dei moti libertari che percorrevano l'Europa negli anni della Restaurazione, si instaura un breve periodo di regime repubblicano. Nel 1866 Portogruaro entra infine a far parte del Regno d'Italia di cui condivise in seguito le vicende storiche.
A Lignano si trovano una miriade di negozi dalle scintillanti vetrine, bar, gelaterie, ristoranti, locali alla moda e il clima frizzante e dinamico è l’ideale per soggiornare, per serate a tutto shopping e divertimento.
Distanza da Lignano ca. 37 km., raggiungibile in automobile in ca. 33 minuti.



Please wait...
...Please wait


Visit our new site: Sabbiadoro.org:

Visit our new site: Sabbiadoro.org

E' vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti di questa pagina senza il consenso di AdriaticoWeb. Vacanze a Lignano?